GLM - 18/6/2018 - 13:52


Classifica dei relatori GLM 2014 (per numero di lezioni svolte)

  1. [9] Samuele Cacchiarelli
  2. [6] Andrea Bianchini
  3. [6] Gianluca Gabrielli
  4. [1] Matteo Ciccioli
  5. [1] Fabio Pagnotta
  6. [1] Alessandro Zampa
  7. [1] Emanuele
  8. [1] Roberto Marozzi
  9. [1] Giampiero Rubini

Vuoi diventare relatore GLM? presenta anche tu una lezione su un argomento che più ti piace relativo a Linux o al mondo dell'OpenSource


Archivio news

server glm
Il nostro Server

bella gnocca freebsd
FreeBSD It's Here!

Lunedì 3 Marzo 2003 - NFS e NIS


Uno dei principali problemi che si incontra operando con NFS è che pur avendo la possibilità di montare directory remote, spesso risulta impossibile operare se non da root su tali directory. Cio' è principalmente dovuto al fatto che i permessi di lettura, scrittura ed esecuzione di tale directory vengono gestiti dal server che esporta tale directory. Tali permessi sono inoltre relativi a utenti e gruppi gestiti sempre dal server stesso e non dai client. Ciò comporta perciò un problema di identificazione.

Ad esempio l'utente sam@client (ovvero l'utente sam della macchina client) cerca di accedere ad una directory remota presente sul server NFS; tale directory appartiene all'utente sam@server (ovvero all'utente sam della macchina server). Tali utenti pur avendo stesso identificativo, sono gestiti da due macchine diverse e quindi molto probabilmente hanno ID e GID diversi. Tale problema porta a far si che la macchina server non riconosca sam@client come sam, avendo questi ID e GID diversi da sam@server. Per tale ragione sam@client non risulta nemmeno appartenete al gruppo sam. Quindi una volta che sam@client avrà montato la directory remota, potrà operarvi solo come utente "estraneo" ovvero in conformità ai diritti presenti su tale directory e relativi agli utenti "others".

Per ovviare a tali problemi si può procedere in due modi:

1) aggiustando a mano gli ID e GID degli utenti delle varie macchine interessate alla condivisione.

oppure
2) sfruttando la possibilità di far gestire ad un unico server gli account di tutte le macchine interessate alla condivisione.

La seconda soluzione si effettua configurando adeguatamente un server NIS.
L'utilizo di un server NIS associato al server NFS è inoltre indispensabile qualora si abbia la necessità di operare indifferentemente da diverse postazioni di una rete tramite uno stesso account (quindi stessa password) e stessa HOME directory.

Links consigliati:
NIS-HOWTO - Completa documentazione in Italiano.

Relatore della serata:
Samuele Cacchiarelli